Vini in Festa

I pairing migliori per sorprendere a Natale e non solo: scoprili qui

Vini in Festa

Data Pubblicazione: 20/12/2021

Natale, Natale, Natale! La maratona di pranzi e cene inizia da qui, per finire con gli auguri per l’anno nuovo. E se anche tu sei stato “arruolato” tra le fila di chi cucina, sai bene che la scelta del vino giusto è una decisione che va presa con attenzione e cura. Tanti sono i fattori da considerare, quali l’ingrediente base del piatto, il tipo di condimento, la speziatura e, non da ultimo, anche i gusti degli ospiti. E se durante le feste vale tutto, dalla ricetta tradizionale a qualcosa di più originale, è anche vero che l’abbinamento con il vino rimane spesso una questione delicata.

 

Ecco qui alcune idee da cui potrai trarre ispirazione per la tua tavola delle Feste. Dall’aperitivo al dolce, qui trovi piatti e i nostri consigli per un pairing perfetto.

Iniziamo!


 

Aperitivo e antipasti: si aprono le danze

La prima impressione ha sempre la sua importanza: l’aperitivo e l’antipasto preannunciano il successo di ciò che verrà dopo e, per questo, scegliere l’abbinamento corretto è di grande importanza (oltre che di soddisfazione). Per chi punta su un menu tradizionale, non c’è niente di meglio che iniziare con un classico Prosecco DOC, la bollicina per eccellenza della tradizione veneta. Grazie al suo sapore piacevolmente brioso, armonioso e delicato, sarà il re dell’aperitivo. Se l’entrée prevede tartine, piatti vegetariani, formaggi freschi e, in linea generale, ricette più “light”, allora puoi puntare su un Rosé Millesimato: i sentori di ribes e lamponi, uniti a un perlage fine e persistente, caratterizzano questa bolla di grande finezza ed eleganza.


 

Primi piatti: 3 proposte per un successo assicurato

Con i primi piatti si entra ufficialmente nel vivo del pranzo e della cena. Noi ti proponiamo tre grandi classici sempre apprezzati, che ti garantiranno il successo tra tutti i commensali.

 

La nostra prima proposta ricade sulle immancabili lasagne, un primo elaborato e gustoso, fiore all'occhiello della cucina emiliana e bolognese. E per rimanere in zona, accompagnale con un buon Lambrusco, dal tannino morbido e dall’aroma piacevolmente fruttato.

 

Un altro piatto tipico per una tavola delle Feste sono i cannelloni ripieni di ricotta e spinaci. Qui via libera a un bianco morbido e dalla buona alcolicità, come un Fiano. I suoi intensi profumi floreali e fruttati sono proprio quello che serve per esaltare il ricco sapore di questo primo.

 

Se ami il risotto, il gustoso condimento con salsiccia e funghi regala sempre gioie. Provalo con una Barbera d'Asti, un rosso strutturato e deciso, con un tannino ben presente, capace di ripulire la bocca dalla grassezza del piatto.


 

Secondi: vino rosso o bianco?

Anche sui secondi la partita si gioca all’ultimo boccone. In linea generale, vale la regola che vuole l’abbinamento con un vino rosso, se il menu è a base di carne, con un vino bianco se invece protagonista è il pesce o si tratta di piatti più leggeri, a base di verdure.

Con un arrosto di vitello ad esempio, prova un fruttato Cabernet Sauvignon o una Bonarda dell’Oltrepò, pulita e leggera. Se invece hai in programma uno spezzatino gustoso, allora punta su un vino importante e complesso come il Barolo.

 

Per un piatto di mare della tradizione mediterranea, come il polpo con patate o le capesante gratinate, prova un bianco delicato e gradevole come il Pinot Grigio, capace di accompagnare il piatto senza sovrastare i sapori.

 

 

Dessert, dal Pandoro al Panettone

E sei giunto al gran finale! Che tu sia amante del Panettone milanese o grande appassionato di Pandoro, per la scelta del vino guarda a spumanti Dry o Extra Dry, ovvero con un residuo zuccherino più alto rispetto alle loro versioni Brut ed Extra Brut. Infatti, in questo caso “il dolce chiama dolce”: una bollicina eccessivamente fresca creerebbe un contrasto non particolarmente piacevole in bocca. Il nostro consiglio? Uno Spumante Blanc de Blancs Dry, morbido e di buona struttura (necessaria soprattutto se accompagni la tua fetta di pandoro con la classica crema al mascarpone!).

 

Ma per chiudere davvero un pasto da re, non può mancare lammazzacaffè, uno dei riti preferiti da noi italiani. Via libera a limoncello, grappe e amari: sai bene che ce n’è bisogno, soprattutto dopo le abbuffate delle feste…