Barolo DOCG Riserva

Rosso invecchiato in barriques

2013

Il Barolo DOCG Riserva, annata 2013, è la quintessenza di un capolavoro del territorio. Un rosso austero e pieno, ingentilito da un periodo di invecchiamento in botte di 4 anni: le note di frutti rossi e il corpo importante, coniugati a tannini levigati, conferiscono all’assaggio un panorama aromatico unico, travolgente. Chi cerca una bottiglia speciale, da vero intenditore, non dovrebbe rinunciare: piaceri così ispirati e compiuti vanno assaporati sorso a sorso, condivisi in occasioni speciali.

Gradi
Gradi
14,5%
Temperatura Di Servizio
Temperatura Di Servizio
18°-20 °C
Caratteristiche organolettiche

Il rosso granato che in gioventù caratterizza il Barolo, nella Riserva acquisisce riflessi aranciati: testimonianza di un lungo riposo in legno, carico di suggestioni. Il profilo olfattivo incanta per complessità e armonia: etereo, intenso, con note di marasca, echi di lavanda e cenni speziati. In un bouquet tanto ampio, il naso coglie lontani richiami di cuoio e vaniglia. Il Barolo DOCG Riserva 2013 Giordano conquista all’assaggio per equilibrio e un carattere morbido, avvolgente, sensuale, caldissimo: vellutato e corposo, si consegna all’appassionato aprendosi a suggestioni di rara efficacia, così ampie e ispirate da essere di sorso in sorso piacevoli da scoprire.

32 ,50
1 bottiglia   (cod. 8772)
€ 43,33/lt.
Vinificazione

La zona di produzione del Barolo è circoscritta a 11 comuni del cuneese, e comprende pochi paesi dalla piccola cittadina che gli dà nome. La vinificazione avviene esclusivamente in questa terra, così come il periodo di invecchiamento che consente di attribuire in etichetta la dicitura Riserva. 4 anni di riposo in legno, un sonno durante il quale il legno cede ombre d’aroma ed attenua le asperità di carattere del Barolo: il risultato è un gioiello d’armonia, unico e travolgente.

Abbinamenti Gastronomici

Il Barolo DOCG Riserva 2013 è un vino di grande stoffa, certo impegnativo quando arriva in tavola: per questo è bene accompagnarlo a piatti sostanziosi e saporiti. Trova nelle ricette della tradizione ottimi accostamenti, in particolare con carni arrosto e ricette impreziosite dal tartufo. Ideale anche con formaggi saporiti, è validissimo come vino da meditazione.

Degustazione

Il miglior modo per cogliere ciò che il Barolo DOCG Riserva 2013 ha da offrire? Stappa la bottiglia un’ora prima di sorseggiarne un calice. Versa in calici di grandi dimensioni, per consentire una migliore diffusione dei profumi. La degustazione aprirà i sensi a tre dimensioni aromatiche: cenni floreali, lievi e armoniosi, fruttati, con presenza chiara di frutti rossi (marasca, in particolare) e speziati, vaniglia su tutti.