Insalata Greca, pranzo estivo semplice e completo

Con i suoi ingredienti mediterranei, l’Insalata Greca è un piatto perfetto per i giorni più caldi dell’Estate. Ecco come prepararla: semplice, veloce e di sicuro effetto!

Data Pubblicazione: 29/06/2017

L’Insalata Greca fa subito Estate: con il rosso acceso dei pomodori sodi e maturi, con il verde dei cetrioli, con il profumo intenso dell’origano e il formaggio tagliato a cubetti che sovrasta le verdure. Una portata semplice, dagli ingredienti contadini, è un piatto comunitario: in Grecia è facile che ne venga messa una sola abbondante porzione a centro tavola, dalla quale tutti i commensali si servono. In greco si chiama Horiatiki, termine che indica la forte componente conviviale di questo piatto: significa del villaggio

Ecco come prepararla.

La ricetta tradizionale dell’Insalata Greca

La ricetta dell'Insalata Greca (Horiatiki) e il miglior vini da abbinare

Ingredienti

4 pomodori, 1 cetriolo, lattuga iceberg, 1 cipolla rossa, olive Kalamata (o in alternativa olive di Gaeta), feta greca 200 g, origano (possibilmente fresco), olio extra vergine di oliva, aceto di vino bianco, sale.

Preparazione

Lava in acqua fredda la verdura. Rimuovi parte della buccia dal cetriolo con un pelaverdure. Mettil poi in freezer il cetriolo per 15 – 20 minuti, prima di tagliarlo.

Riduci a tocchetti la feta.

Prepara i pomodori: rimuovi il picciolo e tagliali a spicchi. Affetta la cipolla rossa a rondelle. Strappa le foglie d’insalata in pezzi non troppo piccoli.

Taglia a fette spesse almeno un centimetro il cetriolo raffreddato in freezer. Disponi a questo punto le verdure in un recipiente: inizia con l’insalata, poi aggiungi il cetriolo, i pomodori, la cipolla, le olive e infine la feta tagliata a cubetti.

Spolvera con origano fresco (magari quello che hai coltivato in giardino o sul balcone!); condisci con olio extra vergine di oliva, sale e aceto. Mescola con cura e servi immediatamente.

Con quale vino servire l’Insalata Greca

Il wine pairing perfetto con l’Horiatiki è il bianco, preferibilmente fruttato e dalle nette suggestioni floreali. Ti suggeriamo un Sauvignon “Il Vinré”: profuma di salvia e fiori selvatici, al palato restituisce impressioni di frutta e stupisce per l’invidiabile caratteristica di migliorare con il tempo, in bottiglia. Un bianco davvero straordinario, compagno ideale per un piatto dalle suggestioni esotiche.

Photo credit: Smabs Sputzer via Visualhunt.com / CC BY