La festa dei vicini: una tradizione amatissima!

Nata nel 1999 a Parigi, la festa dei vicini è diventata un appuntamento fisso in tutta Europa. Una giornata da dedicare all’amicizia e alla solidarietà. Non prendere impegni il 19 maggio!

Data Pubblicazione: 15/05/2017

La vita in città ha ritmi frenetici e pochissimo tempo per andare alla scoperta di ciò che abbiamo più vicino. Sembra paradossale, ma molto spesso è così. Chi può dire di conoscere davvero le persone che abitano a un campanello di distanza, magari sullo stesso pianerottolo? A volte un piccolo gesto è sufficiente a spezzare la routine e a farci scoprire che la quotidianità può essere molto più divertente di quanto pensiamo.

Festeggia anche tu il 19 maggio lo European Neighbours Day!

La Festa dei Vicini: storia e curiosità

Atanase Périfan e la prima Fête des voisins

La Festa dei vicini nasce a Parici nel 1999

Nel 1999 il consigliere comunale del 17° arrondissement di Parigi Atanase Périfan istituì una giornata di festa con un preciso fine: spingere le persone a fermarsi per qualche ora per riscoprire il piacere di fare comunità. Le prima giornata di festa coinvolse circa 800 stabili e più di 10.000 persone. Un successo inatteso, che ha spinto Périfan e l’organizzazione da lui guidata “Paris d’amis” a proseguire rinnovando l’appuntamento di anno in anno. Nel 2003 diventa festa europea. La sedicesima edizione di questa manifestazione ha raccolto un numero impressionante di partecipanti in tutta Europa: 25 milioni di vicini coinvolti, 8 dei quali nella sola Francia.

In che cosa consiste la Festa dei vicini?

Gli spazi comuni di condomini e stabili diventano per un giorno davvero comuni: con sedie, tavoli e tanta voglia di partecipare a una giornata condivisa, i vicini si dedicano a cucinare piatti da consumare insieme, fianco a fianco. È la dimensione casalinga e quotidiana del pranzo che elimina ogni sorta di distanza tra le persone: si inizia a chiacchierare tra un assaggio e l’altro, e poi hanno inizio mille attività per trascorrere insieme un pomeriggio all’insegna della convivialità e del piacere di stare insieme.

C’è anche un importante finalità solidale in questa iniziativa: contrastare l’isolamento al quale molte persone, soprattutto anziane, vanno incontro nel corso del tempo. Appartamenti e condomini possono diventare prigioni: momenti di evasione come la Festa dei Vicini sono utili per creare aperture, scambi, occasioni di dialogo e nuovi rapporti di amicizia.

Come partecipare

È semplice celebrare la Festa dei vicini

In Francia è facile imbattersi in cortili e androni allestiti a festa durante la Fête des voisins: sul sito ufficiale della manifestazione sono presenti informazioni utili per chi vuole partecipare. Anche in Italia c’è fermento intorno a questa giornata speciale: sul sito European Neighbours Day è possibile scoprire quali città aderiscono all’iniziativa e come fare per prendere parte alla festa. O per portarla per la prima volta nella propria città!

Non serve molto per fare proprio lo spirito della Festa dei vicini: tavoli, sedie, piatti della tradizione da condividere e soprattutto un vino speciale. Lasciati ispirare in cucina dalle nostre ricette, stappa una bottiglia di Valdobbiadene e preparati per la migliore Festa dei vicini della tua città!