Dalla Vigna al Bicchiere

Storia di vigna e di viti, dai primi germogli all'incontro con il bicchiere

Data Pubblicazione: 26/04/2016

Il Vino non arriva in Cantina già pronto: c'è un vero e proprio romanzo alle sue spalle, fatto di duro lavoro, magia, difficoltà e soddisfazioni. Volete seguire con noi il viaggio della Vite? Prima di dar frutto vive tutta una serie di esperienze, e proprio durante il corso di queste esperienze affina il proprio carattere…  Una Vite di carattere farà crescere Uva di carattere, e da Uve di carattere non potrà che nascere un Vino dal gusto pieno di voci, di storie… Un Vino vivo!

Da dove parte la nostra storia?
Da dove iniziano tutte le storie, da una notte buia e tempestosa…

Marzo – Aprile

Germogliamento

Aria di Primavera!

Le viti sono spoglie. Si arriva dall'Inverno, il ciclo vegetativo è fermo: niente foglie, niente grappoli. La vite sogna la Primavera, per poter tornare a vivere. E con l'arrivo dei primi temporali, delle prime notti buie e tempestose, qualcosa inizia a succedere…

Il sole inizia a scaldare il terreno umido, l'aumento di temperatura coinvolge la pianta che entra in quello che si chiama sottociclo vegetativo. La linfa riprende a scorrere, risale lungo il tronco, raggiunge i punti nei quali è stata fatta la potatura e proprio dai tagli inizia a fuoriuscire. Si formano piccole gocce di linfa: il fenomeno è noto come Pianto della Vite
Di che cosa si tratta? Una parte della linfa, soluzione zuccherina, viene spinta verso le estremità della vite dalla pressione osmotica venutasi a creare con la ripresa della vita. La primavera anima la Vite, e la Vite risponde con un pianto commosso!

La Vite inizia poi a germogliare: di solito nel mese di Aprile, quindi in questi giorni, nuove gemme si formano e si schiudono, dando forma a piccole foglioline. I germogli iniziano ad allungarsi. Se l'Inverno è stato particolarmente rigido alcune gemme non si apriranno, e si dovranno fare i conti con i danni che il freddo ha causato. 

Il tepore di Aprile favorisce la crescita della vite: sarà regolare in assenza di brusche variazioni di temperatura, e renderà la Vite più forte e resistente agli attacchi dei parassiti. I germogli continuano a crescere… e matureranno nel corso del tempo fino a diventare tralci marroni e legnosi. 
Ma questa è un'altra storia!

Tra Aprile e Maggio compaiono i primi grappolini: inizia inoltre la differenziazione tra polline e ovuli, chiamata Prefioritura del Grappolo. Una complessa fase denominata sottociclo produttivo, che si accompagna al sottociclo vegetativo, e definisce la piena ripresa della nostra Vite. L'Inverno è un ricordo, il cammino verso la Vendemmia è iniziato!

Le nostre Cantine sono immerse in un territorio che ospita meravigliosi filari. Perché non venite a trovarci? Curiosare tra i filari mentre riprendono a vivere è un modo magico di scoprire il Vino, in tutto il suo mondo.
 
La storia della nostra Vite non è finita: vi aspettiamo per la Fioritura!