Montepulciano, vino d’Abruzzo

Il patrimonio enologico italiano trova in Abruzzo un protagonista indiscusso, il Montepulciano: vino dal carattere unico, regale e maestoso. Anche in Estate.

Data Pubblicazione: 21/06/2017

Montepulciano, vino che nel cuore dell’Abruzzo trova le migliori condizioni per maturare e divenire una delle più apprezzate etichette italiane. Il vitigno a bacca nera Montepulciano cresce forte in Italia centrale, in particolare in Abruzzo, Umbria e Marche. Anche la Puglia vanta una produzione discreta di queste uve, ma è in Abruzzo che trovano il miglior equilibrio.

Il disciplinare del Montepulciano d’Abruzzo DOC è severo: il vitigno Montepulciano deve costituirne l’85% e deve provenire dalle province di Chieti, L’Aquila, Pescara o Teramo.

Perché amare il Montepulciano

Montepulciano d'Abruzzo DOC Collection Giordano Vini

La Denominazione di Origine Controllata è garanzia di territorialità e di rispetto per tutte quelle norme che sono state scritte per garantire l’identità dei nostri vini. Si tratta di un buon motivo per riservargli un posto in Cantina! Un’occasione importante merita un vino di assoluto pregio: per una cena romantica, per un’occasione elegante, per un pranzo con gli amici più cari intorno alla brace fumante, le occasioni per stapparne una bottiglia sono innumerevoli. L’Estate non è per nulla nemica di un buon rosso: è sufficiente seguire alcuni semplici consigli per poterlo servire senza fare brutta figura!

Scegli con cura l’abbinamento

Giordano Vini consiglia: scegli un buon abbinamento con il Montepulciano d'Abruzzo in Estate

Un’orata al cartoccio, oppure un piatto di spaghetti allo scoglio non sono esattamente indicati per un vino strutturato come il Montepulciano d’Abruzzo. Molto meglio optare per piatti robusti a base di carni rosse. Non sfigura accanto a preparazioni della tradizione, prediligendo chiaramente la cucina regionale abruzzese. Una ricca grigliata di carne può essere un interessante banco di prova per il nostro Montepulciano.

Occhio alla temperatura di servizio

Giordano Vini, temperatura di servizio per il Montepulciano d'Abruzzo DOC Collection

Il consorzio del Chianti è stato pioniere in questo senso: per servire un rosso in Estate occorre raffreddarlo. Nessuna esagerazione: non riempire il bicchiere di ghiaccio! Un buon rosso può essere proposto a una temperatura di 1 – 2 gradi inferiore a quando indicato in etichetta. Può sembrare un’inezia, ma durante una giornata calda fa davvero la differenza. Le caratteristiche organolettiche del vino rimangono inalterate, ma la qualità della degustazione aumenta in modo significativo.

Photo credits: Nighthawk_85 via Visual hunt / CC BY-SA | mr-bigman via VisualHunt / CC BY