5 errori da evitare con il vino a Natale

La linea sottile che separa una scelta illuminata da un errore madornale quando si stappa un vino a tavola è molto sottile. E a Natale il rischio è sempre ietro l’angolo! Ecco 5 errori da evitare per brindare felici

Data Pubblicazione: 17/12/2018

Tavola di Natale: gli ospiti contemplano piatti da favola e un allestimento semplicemente magico. È il momento di brindare, per iniziare il pranzo nel migliore dei modi. Siamo sicuri di aver scelto la bottiglia migliore? Una piccola leggerezza nella scelta della bottiglia e addio buoni propositi!

Come fare per non incorrere in errori con la scelta della Wine List? È sufficiente evitare i 5 errori che puoi trovare qui sotto!

5 errori (e orrori) da evitare con il vino a Natale

1 – Che bella etichetta! Sarà senz’altro il vino giusto

Errori da evitare con il vino a Natale: scegliere il vino in base all'etichetta

Anche l’occhio vuole la sua parte, certo, ma quando si definisce un abbinamento è sempre meglio partire da altre considerazioni. Anche un ottimo vino, con un’etichetta che sembra un quadro di Caravaggio, può diventare protagonista di una pessima esperienza a tavola se lo abbini al piatto (o al momento) sbagliato. Cura l’estetica, ma pensa al palato! E nel dubbio scegli il nostro Primitivo Salento BIO, che è bello e buonissimo

2 – Voglio andare controcorrente: niente regole

Andare contro corrente quando si sceglie un abbinamento è molto rischioso: soprattutto a Natale

Bene, ma non benissimo. Un certo margine di creatività è sempre ben accetto, e l’originalità spesso ripaga con grandi soddisfazioni. Non sempre però. Prova a servire un Cocktail di gamberi con un Barolo… i tuoi ospiti scapperebbero a gambe levate! Affidati alle principali scuole di abbinamento cibo – vino (Italiana, inglese e francese) se sei alla ricerca di ispirazione, e comunque lasciati sempre guidare da accostamenti dettati dal menu.

3 – Il vino è una cosa seria, quindi è ovvio che presenterò ogni bottiglia

Non dilungarti nella presentazione dei vini: lascia che siano loro a parlare!

Lunghissime introduzioni, ricche di particolari sul vino, sulla bottiglia, sulla scelta, sull’ispirazione che ha guidato la tua decisione e un breve ma sentito racconto sul rapporto che ti lega al vino fin da quando eri un giovane virgulto sono tutte cose che potrebbero trovare spazio su un palcoscenico durante un recital, certo non durante una cena. Sfoggiare la tua conoscenza del vino non è male, ma non farla diventare un’abitudine noiosa… o un ostacolo ai piaceri della tavola!

4 – Quando scelgo il vino, l’unica cosa che guardo è il prezzo

Avere cura di scegliere il miglior vino al prezzo più conveniente è ok, non lo è scegliere solo in base al prezzo

Bene, ma non benissimo. È importante scegliere con cura come spendere i propri soldi, senz’altro, ma basare tutto sull’eccessivo risparmio può condurre a brutte, bruttissime sorprese. Scegli in base al menu, agli accostamenti, alle suggestioni che puoi cogliere da persone esperte o da fonti che ritieni autorevoli. Se poi cerchi qualità e risparmio… allora sei nel posto giusto!

5 – Mi affidoi a un rivenditore qualsiasi

Non affidarti a un rivenditore qualsiasi: scegli uno shop affidabile e garantito

Per un buon vino, meglio scegliere un buon rivenditore. Meglio ancora se il rivenditore è anche produttore: chi fa il vino ha una sensibilità superiore rispetto al prodotto, può anche offrire consigli e vere e proprie chicche. Non ci credi? Scegli i nostri vini e le nostre prelibatezze, lasciati ispirare dai consigli del nostro Blog e vedrai: successo a tavola garantito, anche a Natale.